A cosa serve l'astrologia? E' utile?
Banner

Astrologia

Home Astrologia A cosa serve l'astrologia? E' utile?

A cosa serve l'astrologia? E' utile?

astrologia

La previsione astrologica è utile

Grazie all'osservazione degli astri è possibile conoscere gli eventi che accadono nei cieli e ciò che, di tali eventi, giunge sulla terra fino a rivelare gli eventi che accadranno in futuro.

Tali eventi potrebbero riguardare il nostro corpo o il nostro animo, oppure i problemi occasionali che ci capitano durante la vita.

Possono, inoltre, rivelarci se avremo una vita lunga o breve, e, inoltre, ogni cosa che sia collegata strettamente al corpo, come le proprietà e il matrimonio, o all'anima, come l'onore e la dignità.

Infine è possibile rivelare, quando, rispetto a queste cose, gli eventi avvengono.

Nel suo manuale per le previsioni astrologiche, dopo aver dimostrato che gli astri producono effetto sulla natura, Tolomeo, primo tra gli astrologi, inizia a illustrare come gli eventi astrali influenzano gli uomini, nell'animo e nel corpo, indicando i metodi per comprendere i tempi in cui gli eventi si producono.

Passa a: come funziona l'oroscopo? A cosa serve l'oroscopo?

Prima di tutto, però, si preoccupa di considerare l'utilità di questa conoscenza.

A cosa serve conoscere prima il possibile verificarsi di un evento?

E' utile, per due ragioni, perché si possono ottenere benefici per l'animo e per il corpo.

Cos'è l'oroscopo?

Per l'animo, poiché grazie a questa comprensione ci sarà più facile abbracciare il disegno naturale delle cose (divino) e per il corpo fisico perché la conoscenza di questi eventi "può, meglio di ogni altra (conoscenza), comprendere ciò che è più opportuno alle qualità di ogni temperamento" [1].

Ogni corpo, e quindi a maggior ragione ogni corpo vivente, ha il suo temperamento, cioè la proporzione con cui gli elementi (Fuoco, Terra, Aria e Acqua) e le qualità (caldo, freddo, umido e secco) sono mescolati.

Durante la vita, tra l'altro, tali proporzioni mutano, in quanto, per esempio, il calore e la fluidità della giovinezza si disperdono nella vecchiaia.
Tuttavia, nel vivente, regna, o per meglio dire, dovrebbe regnare, sempre l'armonia tra queste proporzioni.

Tolomeo ci ricorda, inoltre, che ci sono diversi tipi di eventi: alcuni prendono avvio da circostanze generali (quindi non dalla particolare costituzione naturale di ciascun individuo), come quando muoiono migliaia di persone insieme o in virtù di grandi cambiamenti ambientali difficili da prevedere, come gli incendi, le epidemie e le inondazioni. Infatti, spiega, la causa minore soggiace sempre alla maggiore ed alla più valida.

Ci sono poi altri eventi che provengono dal temperamento naturale proprio di ogni individuo, in virtù di diverse disposizioni del cielo, minori od occasionali.
Per esempio, con un transito.

E' manifesto che tutto, sia gli eventi generali che quelli particolari, è mosso da una causa principale che è insuperabile da qualsiasi forza le si opponga, mentre altre volte questa causa è facilmente controvertibile con un'azione contraria.

Ci sono quindi due casi: il primo in cui ci troviamo di fronte a forze incontrovertibili, il secondo in cui è possibile fermare queste forze o impedirle esercitando un'azione contraria.

Infatti: "le pietre, le piante e i viventi, come pure le ferite, agiscono in virtù della loro disposizione naturale, se nessuna forza contraria gli si oppone".

Tra tutti gli eventi, non possono essere evitati solo quelli le cui cause scatenanti sono incontrovertibili: "Allo stesso modo, i medici che sono in grado di riconoscere le malattie prevedono chiaramente quali sono quelle mortali e quali sono quelle curabili" .

"Ora, se vi è ignoranza delle forze contrarie, ogni elemento segue la virtù della sua natura (per esempio l'ulcera si estende ed il magnete attrae il ferro), ma, se si attua una terapia contraria, l'ulcera non si diffonde nè imputridisce, così come il magnete, strofinato con l'aglio, non attira più il ferro"[2].

L'esempio del magnete, ben noto nel mondo antico per le sue proprietà di attrarre il ferro, è particolarmente calzante, in quanto Tolomeo lo utilizza per dimostrare come sia possibile contrastare una forza (magnetica?) contraria.

Di conseguenza, se un evento futuro è conosciuto, ma non ci sono rimedi, l'astrologia è inutile, ma, se i rimedi esistono, con un'azione contraria "gli eventi non si produrranno o saranno più lievi" [3].

Per esempio, chi adotta prevenzioni refrigeranti soffrirà meno l'arsura. A maggior ragione, in determinati periodi, se devesse presentarsi un freddo che potrebbe danneggiare la sua costituzione dovrebbe proteggersi meglio. Proteggendosi dal freddo subirà in misura minore questo influsso.

Simili rimedi hanno infatti la capacità di agire su su quelle forze particolari che aumentano i singoli temperamenti verso un eccesso di calore o di freddo, di umido o di secco.

L'astrologia quindi è utile come prevenzione, perché, chi conosce la sua pratica, è in grado di prevenire gli eccessi, di ogni tipo, sul nostro temperamento.

"Consapevoli di tale realtà, gli antichi Egizi che hanno maggiormente progredito nella capacità di questa arte, hanno unito la medicina alla previsione astronomica", ovvero la "iatromatematica", cioè l'unione della medicina e dell'astrologia" [4].

In questo modo è possibile accordare la conoscenza degli eventi che si producono in cielo con la medicina, per conoscere quali tra gli eventi celesti concordano o sono contrari al nostro temperamento ed alla nostra costituzione fisica.

 

[1] Giuseppe Bezza - Commento al primo libro del Tetrabiblos di C. Tolomeo - editrice Nuovi Orizzonti

[2] V. nota 1

[3] V. nota 1

[4] V. nota 1

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Martedi, 27 giugno 2017
La Luna oggi
Leone
Luna in Leone
21 gradi circa
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner