Le cellule immortali di Henrietta Lacks
Banner
misteri.gif
Curiosità e cultura
Banner
Banner
Banner
Banner

Curiosità e cultura è a cura di Germain Lacroix Home Cultura Le cellule immortali di Henrietta Lacks

Cultura : storia, geografia, scienza, letteratura, arte

Le cellule immortali di Henrietta Lacks

Cultura

cellule-immortaliHenrietta Lacks non è più una dimenticata dalla storia. Probabilmente, anche se non molti la conoscono, resterà viva per sempre.

La sua storia sembra uscita da una trama di bioingegneria top secret.

Si chiamano HeLa (HE-nrietta LA-cks) e sono le cellule che hanno reso possibile il vaccino contro la polio, la clonazione, la fecondazione in vitro.

Nel campo biomedico, la sigla HeLa indica una linea cellulare di vitale importanza nelle ricerche sul cancro e su molte altre malattie: si tratta di cellule speciali vendute nei laboratori di tutto il mondo.

Una provetta da 100 microgrammi di cellule HeLa costa più di 100 dollari.

Sono cellule tanto resistenti da essere praticamente immortali.

Negli ultimi sessant'anni sono state riprodotte più di 50 milioni di tonnellate di queste cellule.

Henrietta Lacks era una donna della Virginia (Usa) che morì a trent'anni di tumore nel 1951.

Dopo la sua morte, i medici prelevarono un campione dei suoi tessuti e si accorsero di un fenomeno incredibile: le cellule tumorali continuavano a crescere fuori dal corpo, in laboratorio.

La scoperta, benché subito commercializzata, non fu, però, divulgata.

Sono occorsi più di venti anni prima che i familiari di Henrietta venissero a sapere della vendita delle cellule della loro parente grazie all'aiuto di Rebecca Skloot, una giornalista che ha scritto un libro su questa storia.

Attualmente, a quanto dicono i figli di Henrietta, nessuno ha mai pensato nemmeno di dare una lapide alla tomba della madre e loro stessi, nonostante l'industria dei farmaci abbia guadagnato cifre enormi, non sono in grado di pagarsi un'assicurazione medica.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Giovedi, 18 gennaio 2018
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner