I Templari e le cattedrali della Vergine
Banner
misteri.gif
Curiosità e cultura
Banner
Banner
Banner
Banner

Curiosità e cultura è a cura di Germain Lacroix Home Misteri I Templari e le cattedrali della Vergine

I Templari e le cattedrali della Vergine

Misteri
Venerdì 10 Giugno 2011 10:46

notre-dame

Le prime cattedrali gotiche furono erette in Francia nel Medio Evo a partire dal 1130, in un periodo di relativa prosperità e di pace.

L'imponenza di queste strutture ed i molti enigmi che le cattedrali presentano hanno contribuito ad alimentare la letteratura sulle gesta dei Cavalieri Templari, di ritorno dalla Terrasanta proprio in quegli anni.

L'elenco di tutte le cattedrali gotiche francesi è lungo. Sono più di trenta e sono quasi tutte dedicate a Notre-Dame (cioè la nostra signora, la Vergine Maria) e Saint-Étienne.

Il primo vero e proprio mistero legato a queste cattedrali è rappresentato dalla incredibile capacità tecnica dei costruttori.

Secondo la leggenda, le tecniche utilizzate per erigere questi monumenti sono state rinvenute nei pressi del Tempio di Salomone a Gerusalemme e conterrebbero leggi universali di proporzione e armonia di pesi e misure.

Si narra che, durante la costruzione del Tempio di Salomone, ogni pietra venisse accuratamente levigata, selezionata con il sigillo del suo intagliatore e sottoposta al controllo di preposti ispettori.

Anche in una cattedrale gotica, ogni singola pietra darebbe vita ad un progetto armonico in cui ognuna di esse è adatta al ruolo che deve svolgere.

Lo stile gotico è molto diverso da quello utilizzato in precedenza (il romanico), ma quello che sembra aver attirato di più l'attenzione degli appassionati di misteri è la scomparsa dei progetti delle strutture che, si dice, vennero tramandati fino alla morte dell'ultimo Gran Maestro dell'ordine dei Cavalieri templari, Jacques De Molay, condannato al rogo nei pressi di Notre Dame di Parigi durante il processo ai templari voluto dal re di Francia, Filippo il bello.

arco-sesto-acutoLa novità architettonica consiste nell'utilizzo dell'arco a sesto acuto (in figura a destra), che permette di avere un'apertura più alta e slanciata. Insieme ai contrafforti esterni, grazie all'uso dell'arco a sesto acuto la struttura è proiettata verso l'alto, verso il cielo.

Quello che però accomunerebbe le cattedrali con il Tempio di Salomone è però l'idea armonica di fondo: in entrambi i casi, tutto il progetto ruoterebbe attorno ad una particolare pietra, detta chiave di volta, che permetterebbe di ripartire il pesante carico di tutta la costruzione.

Le cattedrali gotiche non sono state accostate solo al misterioso tempio scomparso di Gerusalemme, ma anche alla mitica Piramide di Cheope, per l'utilizzo delle proporzioni della geometria sacra, cioè quella particolare geometria che, oltre alle proporzioni ed alle misure, aspira ad un collegamento con i ritmi dell'universo.

Per esempio, per alcuni studiosi, la Piramide di Cheope sarebbe orientata in modo tale da far entrare all’interno raggi di sole in giorni particolari dell'anno. Allo stesso modo, l’ombra proiettata dalla Piramide in occasione del solstizio d’inverno rispetterebbe precise proporzioni.

La cattedrale di Chartres

cattedrale-di-chartresA Chartres, nella vetrata di Sant’Apollinare, esiste un foro attraverso il quale il 21 giugno, a mezzogiorno, un raggio di sole va a colpire una precisa mattonella.


Intorno al 20 del mese di agosto, nel rosone occidentale, una raffigurazione della Vergine, è attraversata da un raggio di sole.

Le Cattedrali sono tutte poste allo stesso modo: con l’abside rivolto verso est (cioè verso la luce).

Quella di Chartres sembra coincidere con il suo luogo sulla terra: sono numerose le similitudini che si ritrovano tra le misure delle sue dimensioni ed il parallelo geografico su cui la cattedrale sorge. Circostanza che definire misteriosa è doveroso, considerato che tali nozioni non sembrano corrispondere alle reali conoscenze dell'epoca.

La lunghezza originaria è di 111 metri e 111 è considerato da molti uno dei numeri sacri dell'Antico Egitto (per alcuni è legato alla proporzione tra i cicli del Sole e i cicli della Luna).

La pianta è concepita secondo le regole del numero aureo (1,618). Le distanze fra le colonne, la lunghezza delle navate e dei transetti sono multiple di 1,618 e sono caratterizzate dalla presenza dei numeri 37-74-111 che vengono riportati alle tre divinità: Osiride, Iside e Horus.

A Chartres, questi numeri, rappresenterebbero: cielo, terra e l'uomo.

La Cattedrale di Chartres sorge su un terreno che mantiene concentrate le vibrazioni provenienti dal sottosuolo (grazie ad una galleria sotterranea), e la verticalità dell’edificio permetterebbe un contatto con il cielo, di modo che, il fedele, entrando in Chiesa, si trova in un punto ideale di congiunzione tra la terra e il cielo.

Cielo e terra, nel linguaggio simbolico, sono considerati opposti, e, in quest'ottica, l'armonia è considerata come il raggiungimento di un bilanciamento tra opposti.

Ecco perché uomini del passato cercarono di riprodurre, sotto varie forme, alcune proporzioni che riscontriamo nell'architettura celeste. Perché, a livello simbolico, riprodurre forme e dimensioni cosmiche, significava cercare di riportare in terra e, in piccola scala, l'armonia celeste.

I riferimenti alla Vergine Maria sono numerosi e, come detto, sono quasi tutte dedicate a Notre Dame, cioè alla Vergine Maria. 

Tuttavia, a proposito di Vergine, troviamo un altro mistero.

Se unite insieme, le Cattedrali dei Templari (di Evreux, di Rouen, di Reims, di Amiens, di Bayeux, di Parigi e di Chartres) formano esattamente la costellazione della Vergine.

Una costellazione, cioè il cielo, ma riportato in terra.

Vergine, infatti, in astrologia, è un segno che appartiene all'elemento terra!!

 

* L’Archivio Segreto Vaticano ha pubblicato in edizione limitatissima il "Processus contra Templarios" (processo contro i templari) in cui è contenuto il  «monoscritto di Chinon», un'inedita pergamena scoperta dalla studiosa Barbara Frale nell’Archivio vaticano. Secondo questo documento, il Papa di allora Clemente V, non condannò per eresia i Cavalieri templari, ma, al contrario, aveva cercato in tutti i modi di salvarli dal re di Francia Filippo IV il Bello, vero responsabile della loro persecuzione.

 

Commenti  

 
+4 #1 RE: I Templari e le cattedrali della VergineAthena 2013-12-18 12:03
Meglio di tutti i libri ci sta questo saggio storico del prof. Michele Allegri, dal titolo "La religione segreta dei Templari", scaricabile dalla piattaforma Amazon.it o Amazon.come come e-book.

www.amazon.com/.../B00GZ8MN5Q
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Venerdi, 16 novembre 2018
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner