La ragnatela più grande e più dura del mondo: il ragno della corteccia di Darwin
Banner
misteri.gif

Curiosità e cultura è a cura di Germain Lacroix Home Animali La ragnatela più grande e più dura del mondo: il ragno della corteccia di Darwin

La ragnatela più grande e più dura del mondo: il ragno della corteccia di Darwin

Animali
Giovedì 07 Ottobre 2010 00:24

ragnatela-del-madagascar

La più grande ragnatela del mondo

Una nuova scoperta dal regno animale, che ci permette di conoscere un nuovo esemplare di aracnide (invertebrati).

In Madagascar, è stata scoperta una gigantesca ragnatela che, a quanto detto dagli scienziati, è la più grande del mondo.

Si tratta di qualcosa come 25 metri di ragnatela.

Il ragno che l'ha realizzata è un “Darwin’s bark spider”, il ragno della corteccia di Darwin (Caerostris darwini), una specie di ragno scoperta di recente (2009).

Il ragno della corteccia di Darwin è stato individuato lungo un fiume in un parco nazionale in Madagascar (Ranomafana).

Secondo il prof. Ingi Agnarsson, lo studioso che l'ha scoperto, questi ragni costruiscono la loro tela sopra un fiume, procedendo nella costruzione della tela da una sponda all'altra. In questo modo, riescono a raggiungere prede che gli altri predatori non possono catturare.

Todd Blackledge, uno degli scienziati che ha eseguito le analisi sulla ragnatela del ragno, ha fornito altre rivelazioni: “è veramente impressionante la combinazione di leggerezza e prestazioni elevate di questa ragnatela. La sua durezza incredibile è una scoperta importante per due ragioni. In primo luogo, suggerisce che questi ragni possono avere sviluppato un nuovo meccanismo per la produzione o l’assemblaggio della loro ‘super seta’. In secondo luogo, apre nuove applicazioni tecnologiche sullo studio della ragnatela del ragno darwini C."

I fili che secerne il ragno della corteccia di Darwin in Madagascar sono 100 volte superiori a qualsiasi altra sostanza biologica conosciuta: la sua seta è fatta di un biomateriale particolarmente duro e robusto, adatto perciò a sopportare il peso delle numerose prede che vi rimangono invischiate.

Torna su Animali Animali

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Martedi, 12 novembre 2019
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner