Ha inventato il linguaggio cifrato: Della Porta e la magia naturale
Banner
misteri.gif

Curiosità e cultura è a cura di Germain Lacroix Home Cultura Ha inventato il linguaggio cifrato: Della Porta e la magia naturale

Cultura : storia, geografia, scienza, letteratura, arte

Ha inventato il linguaggio cifrato: Della Porta e la magia naturale

Cultura

della-porta-magia-naturaleLa crittografia, o il linguaggio cifrato, è oggi molto frequente anche nell'uso comune, nel senso che è un'attività che, anche senza farci caso, eseguiamo quando, per esempio, inseriamo una password in un account di posta elettronica o in un social network.

Avrete tutti notato che, la password, non viene scritta con le lettere ordinarie, ma con dei veri e propri pallini neri o X o altri caratteri che ci indicano che la nostra password è invisibile, o per meglio dire irriconoscibile, perché sottoposta a crittografia.

In passato le tecniche che presiedevano alla crittografia, erano considerate di altissimo livello tecnico e, in alcuni casi, legate all'esoterismo ed ai misteri.

L'inventore e il padre del linguaggio cifrato, che all'epoca era comunemente inteso come "linguaggio delle spie", è Giovan Battista Della Porta (nato a Vico Equense, in Campania, l'1 novembre 1535 nel segno dello Scorpione).

Della Porta era un famoso alchimista italiano.

Nel 1563, pubblicò una delle più importanti opere di crittografia, il De Furtivis Literarum Notis, nel quale descrive il primo esempio di scrittura cifrata.

Della Porta visse nel periodo della grande rinascita dell'alchimia, oltre che degli interessi filosofici e legati alle scienze naturali.

E' il periodo di Paracelso e di Tommaso Campanella, con cui ebbe una frequentazione; conobbe anche Galileo Galilei.

Fondò l'Accademia dei Segreti (Academia Secretorum Naturae), alla quale ci si poteva iscrivere solo dopo aver effettuato una nuova scoperta nel campo delle Scienze naturali.

I suoi interessi erano molteplici.

Della Porta, però, fu indagato per essersi occupato di riti occulti dall'Inquisizione nel 1579 e l'Accademia fu chiusa. Potè occuparsi solo di scienze naturali.

Pubblicò una enciclopedia sull'agricoltura ed un trattato sulla proprietà delle piante raffrontate con le varie parti del corpo umano (Phytognomonica).

Scrisse quattro libri di Fisiognomica, la disciplina che cerca di dedurre la psicologia di una persona dal suo volto.

Scrisse di ottica, di astronomia (Coelestis physiognomoniae), di matematica, di chimica, di arte militare, di meteorologia.

Scrisse un'opera sulla lettura della mano (Chirofisonomia) e un trattato sulla Taumatologia andato perduto.

Magia naturale

L'opera che, però, lo rese famoso è la "Magia naturale" (Magia naturalis sive de miraculis rerum naturalium) dove Della Porta afferma che la magia naturale è l'apice della filosofia.

In questo testo si occupò dei più svariati argomenti: cosmologia, ottica, medicina, cucina, alchimia, distillazione, colorazione, proprietà magnetiche, veleni, cosmetici e persino di polvere da sparo.

Troviamo, inoltre, svelati una serie di trucchi per prestigiatori, come quello del famoso inchiostro invisibile.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Sabato, 24 agosto 2019
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner